venerdì 14 aprile 2017

Il delfino della Fontana Medicea di Fivizzano

Il premio miglior corto assoluto del Lunigiana Film Fest, assegnato al cortometraggio Buffet di Santa De Santis e Alessandro D'Ambrosi, è stato generosamente fornito dal Comune di Fivizzano e rappresenta uno dei delfini della Fontana Medicea, il monumento più significativo della presenza fiorentina a Fivizzano. 



Fu infatti nel 1648 che la comunità fivizzanese riconosceva a Terenzio Fantoni, che ricopriva alte cariche giuridiche, politiche militari nel Governo del Granducato di Toscana, il merito dell'interessamento alla costruzione della fontana, attraverso i fondi ricavati "dalle entrate dell'appalto degli stracci".

Il carrarese Jacopo Toschini scolpì la vasca in arenaria, i delfini e le conchiglie in marmo che la ornano, lo scoglio e la scalinata. I grossi blocchi di pietra estratti dalla cava di Sassìna furono portati in loco mediante lizzatura e furono lavorati in piazza, mentre una cancellata in ferro battuto fu posizionata ai piedi della gradinata in modo da impedire agli animali di avvicinarsi, lasciando, invece, libero accesso alle persone attraverso piccole aperture.

Iniziata durante il governo del Granduca Ferdinando II ed ultimata sotto quello di suo figlio Cosimo III, la Fontana entrò in funzione nel 1682, diventando un'icona della Città di Fivizzano.



Nessun commento:

Posta un commento